Fisica della gestione degli stress multidimensionali dell’imprenditorialità

L’analisi dello stress è stata una delle lezioni più noiose dell’IIT Bombay e avrei voluto non doverlo approfondire di nuovo. Sono stato costretto a studiarlo ancora una volta, non per progettare una struttura o materiale efficiente, ma per affrontare in modo efficiente i potenti stress multidimensionali del percorso imprenditoriale. Come imprenditori veniamo martellati, imbullonati, abbattuti, massacrati e bombardati ogni giorno da più direzioni dai nostri clienti, venditori, investitori, dipendenti, familiari e governo. E a meno che non padroneggiamo la scienza per gestire lo stress che lo accompagna, molto probabilmente il viaggio terminerà prima che arrivi l’alba.

Prima di entrare nelle soluzioni del primo ordine per affrontare gli stress, analizziamo cos’è uno “stress” e le sue varie dimensioni. Nel mondo fisico, “stress” è una “reazione interna” in un oggetto materiale alla varietà di forze esterne applicate su di esso ed è una funzione delle “proprietà materiali” uniche per quell’oggetto materiale. Le deformazioni sono deformazioni che si formano in un oggetto materiale a seguito di queste sollecitazioni e di solito sono anche funzione del tempo.

Allo stesso modo, sviluppiamo anche stress interni come reazione alle forze esterne applicate su di noi. È importante sottolineare che questi stress sono una funzione di come stiamo reagendo a una situazione e circostanza che ci circonda. Le sollecitazioni non ci vengono date da nessuno ma le sviluppiamo internamente. Individui diversi sviluppano diversi tipi di stress per tipi simili di forze esterne. Simili agli oggetti materiali, queste sollecitazioni straordinarie possono sviluppare nel nostro corpo sollecitazioni e deformazioni che a volte sono irreversibili.

Quindi cosa possiamo fare per ridurre al minimo le sollecitazioni nel nostro corpo sviluppate a causa dello stress? Ecco i “Cinque modi” per affrontarli usando la fisica e le sue leggi:

1. Sii elastico (sii flessibile): l’elasticità o flessibilità è un aspetto che i materiali sviluppano per affrontare le forze esterne come descritto dalla legge di Hookes. Gli oggetti che sono elastici sviluppano deformazioni e deformazioni minori. Allo stesso modo, se siamo flessibili nel nostro approccio, mentalità e corpo, ci saranno meno sollecitazioni per il nostro corpo e la nostra mente. Ad esempio, se sei flessibile su quando un dipendente può venire al lavoro e andarsene, se sei flessibile nell’assumere più ruoli, se sei flessibile nell’assumere approcci diversi per trovare una soluzione, se sei flessibile nel tuo programma per dedicare più tempo alla tua famiglia, tutto può ridurre le tue possibilità di generare tensioni nel tuo corpo.

2. Abbassa l’entropia (abbassa il caos interno): l’entropia è una misura del “caos” nel mondo fisico. È una legge della fisica che i sistemi con entropia più bassa hanno più energia disponibile per un lavoro utile. Allo stesso modo, se riusciamo a ridurre il nostro caos interno, possiamo avere più energia e meno stress correlato al lavoro. Concentrandoci sui nostri obiettivi e non distogliendoci, dando priorità ai nostri compiti, facendo respiri profondi o correndo per dare più ossigeno alla nostra mente e al nostro corpo o facendo Yoga per reprimere i nostri disturbi mentali, intrinsecamente stiamo riducendo il caos e quindi gli stress interni che sviluppare.

3. Aumentare la coerenza (promuovere il lavoro di squadra sincronizzato – obiettivi e azioni): la coerenza è uno dei concetti della “teoria delle onde” che parla di onde “coerenti” che sono quelle che “interferiscono in modo costruttivo” e non “interferiscono in modo distruttivo”. Un sistema coerente è più stabile e può tollerare meglio i disturbi e può costruire (scalare) ulteriormente aggiungendo nuove onde coerenti. Allo stesso modo, costruire coerenza tra il tuo team, gli investitori, i venditori, i clienti e la famiglia può ridurre molto lo stress. Assicurati di comunicare priorità di compiti, obiettivi, problemi, sfide e assicurati che le azioni per risolverli o raggiungerli siano tutte coerenti e non vadano in direzioni diverse. Ridurre lo stress tra i membri del team con azioni, comunicazione e obiettivi coerenti può aumentare molto le possibilità di successo della tua startup.

4. Abbassare il baricentro (capannone bagagli scadenti): i sistemi con baricentro più basso e fondamenta più larghe sono più stabili alle forze esterne e sviluppano sollecitazioni minori. Un cono invertito è un ottimo esempio di sistema stabile. Più ampie sono le tue fondamenta e meno bagagli cattivi che devi portare nel tuo viaggio di avvio, meno stress sarà per te e il tuo team/azienda. Assicurati di costruire una buona base prima di crescere. Assicurati che dipendenti, partner, venditori ecc. cattivi vengano espulsi dal tuo “cono” per garantire maggiore stabilità alla tua azienda.

5. Aumenta l’interazione tra particella e particella (promuove la comunicazione): quasi tutta la materia in questo mondo è tenuta insieme da quattro interazioni fondamentali tra particella e particella: gravità, forza elettromagnetica, debole e forte. Queste interazioni aiutano la materia a resistere alle forze esterne e alle sollecitazioni interne. Allo stesso modo, la tua startup starà insieme con il minimo stress, se c’è una migliore comunicazione tra i membri del team, tra te e i membri del team, tra la tua azienda e i clienti/venditori e tra te e i tuoi investitori. Minore sarà l’interazione, più debole sarà la tua azienda e più probabile che fallisca con il minimo stress.

Spero che tutti possiate beneficiare di queste leggi di base della fisica per ridurre lo stress. E ricorda sempre che “stress” è la tua stessa reazione interna e “non dato” a te. Mentre non puoi gestire i fattori esterni che lo causano, puoi gestirlo “stress interno” seguendo alcune “Leggi della Fisica”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.