Carl Sagan, Fritjof Capra su "La danza che rivela i misteri dell’universo" – Seconda parte

Il dottor Fritjof Capra, PhD (fisico americano nato in Austria) è nato il 1 febbraio 1939 a Vienna, in Austria. Ha conseguito un dottorato di ricerca in fisica teorica presso l’Università di Vienna nel 1966. Ha svolto ricerche sulla fisica delle particelle e sulla teoria dei sistemi e ha scritto libri popolari tra cui il famoso libro Il Tao della Fisica.

Il libro è stato pubblicato inizialmente nel 1975 da un piccolo editore; il libro è diventato un bestseller clandestino grazie al passaparola prima di essere ritirato da una grande casa editrice americana. Finora è stato pubblicato in 43 edizioni in 23 lingue. Milioni di persone hanno letto il libro.

Ha spiegato di Shiva Nataraja in questo modo:

“In contrasto con la visione meccanicistica della scienza occidentale classica, la visione orientale potrebbe essere definita una visione organica, olistica o ecologica.

“Per i mistici orientali, gli oggetti hanno un carattere fluido e in continua evoluzione. Cambiamento e trasformazione, flusso e movimento svolgono un ruolo essenziale nella loro visione del mondo. Il cosmo è visto come una realtà inseparabile, perennemente in movimento. È vivo, organico , spirituale e materiale allo stesso tempo. Una visione molto simile sta ora emergendo dalla fisica moderna”.

Bisogna leggere il libro di Capra per capire la danza cosmica di Shiva Nataraja che svela i misteri dell’Universo.

Spiega la danza di Shiva Nataraja: “La fisica moderna rappresenta la materia, non come passiva e inerte, ma come continuamente danzante e vibrante. Questo è molto simile alla descrizione del mondo dei mistici orientali. Entrambi sottolineano che l’universo deve essere compreso in modo dinamico. le strutture non sono statiche, rigide, ma vanno viste in termini di equilibrio dinamico.

“I fisici parlano della danza continua della materia subatomica che va avanti tutto il tempo. Hanno effettivamente usato le parole ‘danza della creazione e distruzione’ o ‘danza dell’energia’. Questo viene naturalmente in mente quando vedi alcune delle immagini di particelle prelevate dai fisici nelle loro camere a bolle.

“Naturalmente, i fisici non sono gli unici a parlare di questa danza cosmica. Forse l’esempio più bello di questa metafora esiste nell’induismo: l’idea del Signore Siva che danza. Siva è la personificazione della danza cosmica. Secondo la tradizione indiana, tutta la vita è un’interazione ritmica di morte e nascita, di creazione e distruzione.

“Gli artisti indiani hanno creato bellissime immagini e statue del Signore Siva che balla. Queste statue sono immagini visive della danza cosmica, così come le tracce della camera a bolle fotografate dai fisici moderni. Sono una versione moderna della danza di Siva ottenuta usando il più moderno e avanzato dei nostri strumenti tecnologici occidentali. Per me, l’effetto è bello e profondo come le magnifiche statue indù. In entrambi i casi, stiamo immaginando una danza eterna di creazione e distruzione, che è la base di tutti i fenomeni naturali , la base di tutta l’esistenza. Pertanto, ho messo insieme le due cose – qui hai la “Danza di Shiva” che unisce le versioni del XII e XX secolo. Puoi vedere che questa immagine della danza cosmica unifica, in un modo molto bello , mitologia antica, arte religiosa, intuizione mistica e scienza moderna.”

Sopra ci sono alcuni estratti dal suo discorso di apertura ai Los Angels

Simposio di Fisica e Metafisica il 29 ottobre 1977.

La figura mostrata dal dottor Capra è sorprendente. La danza di Nataraja e la danza delle particelle atomiche sono identiche. Bisogna vederlo per credere.

Non solo Carl Sagan e il dottor Fritjof Capra, ci sono altri eminenti studiosi che ammirano Shiva Nataraja. Vedremo le loro opinioni nel nostro prossimo articolo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.