Comprendere la fisica e la meccanica degli ingranaggi

Un ingranaggio è un dispositivo che trasferisce la forza a un altro dispositivo tramite un meccanismo di rotazione. Esso, con l’aiuto dei suoi denti, si unisce ad un altro ed esercita tutta la sua forza. Secondo il suo meccanismo ha la capacità di aumentare la forza a varie coppie verso direzioni diverse originando dalla sorgente radice da cui raggiunge la potenza.

È un fatto accettabile; un ingranaggio sta bene con un altro che ha i denti. Ma la questione da considerare è che si adatta bene a qualsiasi dispositivo, non specificamente con un altro del suo genere, che possiede i suoi denti per essere montati in modo abbastanza coerente.

Sono disponibili in diverse dimensioni, possono essere facilmente combinati con altri di dimensioni diverse. Il fattore che domina in larga misura è che sebbene il secondo dispositivo di cui è dotato il primo non crei problemi a generare forza e la fonte di forza rotazionale sia mantenuta intatta.

Possiamo definire un ingranaggio in base ai denti che ha. I denti e il diametro giocano un ruolo cruciale nel meccanismo di un ingranaggio. Quindi si può facilmente affermare che la performance dipende esclusivamente dalle qualità caratteristiche che originariamente possiede. Il ruolo effettivo che svolge è che genera forza da un albero all’altro indipendentemente dai denti e dal diametro.

Il meccanismo segue la regola della fisica lineare che ne determina la rotazione al secondo o al minuto. La velocità è generata da un’equazione della circonferenza dell’ingranaggio immersa per il raggio di essa. In realtà bisogna fare attenzione che anche alla seconda marcia venga data la tremenda importanza.

I denti svolgono il ruolo più cruciale nella generazione di forza. Anche in questo caso il raggio di esso è non meno importante. Probabilmente a seconda del diametro viene generata la forza. Maggiore è il raggio, minore è la velocità.

È da notare che i denti adiacenti agli ingranaggi sono corrisposti l’uno all’altro per ruotare. Così quando i denti si avvicinano a quello più piccolo, e premono l’altro, quello grande fa una rotazione. Infatti quando il piccolo si muove ad un ritmo veloce e il grande si muove più velocemente generando più potenza. I punti di contatto devono passare un punto particolare per ruotare seguendo un meccanismo completo per generare la forza effettiva.

Quando troviamo un ingranaggio normale notiamo che ha degli assi assolutamente statici quando c’è rotazione. Gli assi possono essere molto numerosi come nel caso di un epicicloidale. Anche in questo caso quello indicato come l’ingranaggio del sole – pianeta ha un meccanismo meraviglioso. In questo un ingranaggio chiamato pianeta ruota attorno al sole.

Se pensiamo al meccanismo di, dobbiamo tenere a mente il fatto che si basa in particolare su quattro elementi come l’asse, il punto primitivo, il cerchio primitivo e il diametro primitivo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.