Bowling attraverso gli occhi della fisica

La fisica è chiaramente lo studio del calcolo della matematica dei movimenti che possono essere di oggetti come l’essere umano e le palle da bowling. L’attrito è la causa principale del rallentamento della boccia dopo che la palla è stata lanciata lungo la corsia. L’entità dell’attrito di solito dipende dalla superficie della pista da bowling. La corsia di solito influisce sulla velocità alla quale la palla rotolerà a seconda del materiale di cui è composta la superficie, della quantità, se presente, dell’olio sulla corsia e della massa totale della palla. Più olio c’è sulla pista da bowling, minore è l’attrito e più difficile è per il giocatore di bocce inviare la palla in un percorso curvo che è stato influenzato dalla rotazione che il giocatore di bocce mette al rilascio istantaneo.

La gravità è anche un’altra componente della fisica che influenza il risultato del bowling. I birilli hanno un baricentro basso grazie alla loro forma che li rende automaticamente più stabili. La palla da bowling d’altra parte non ha il baricentro nel mezzo assoluto della palla. La posizione del baricentro è solitamente indicata dalla posizione del logo o dalla punzonatura sulla superficie della palla da bowling. Ci sono quattro principi di base che influenzano la fisica del bowling.

Abbiamo l’energia potenziale, la direzione della forza iniziale, la direzione dell’impatto e l’azione del perno. Quando consideriamo l’energia potenziale, osserviamo l’altezza da cui il lanciatore lascia cadere la palla da bowling. Ciò influenzerà la quantità di energia potenziale che avrà la palla. Se il giocatore di bocce gioca con una palla dritta, non influirà in alcun modo sul suo gioco, quindi è nel migliore interesse dei giocatori di mantenere la palla il più vicino possibile alla corsia al momento del rilascio. Maggiore è l’energia potenziale che la palla ha al momento del rilascio, più a lungo rimbalzerà mentre viaggia lungo la corsia e questo significa che la palla uncinata non catturerà alcun attrito dalla corsia.

Abbiamo quindi la direzione della forza iniziale, e qui troviamo che il lanciatore deve rilasciare la palla con una forza perfettamente parallela alla velocità dell’orizzonte e dovrebbe essere anche della velocità verticale. Qualsiasi forza che non è parallela all’orizzonte sta sprecando energia. L’energia cinetica orizzontale che normalmente rimane dopo che la palla ha viaggiato lungo la corsia è ciò che viene utilizzato per entrare in collisione con i birilli.

Quando si tratta della direzione dell’impatto, scopriamo che quando la bombetta lancia con un gancio sfrutta l’attrito e la palla si riduce nella direzione dei birilli. Infine, abbiamo l’azione del perno è il lavoro di collisioni elastiche e scopriamo che quando il perno ne colpisce uno invia automaticamente quel perno negli altri perni e negli altri fino a quando tutti i perni sono stati colpiti e scopriamo che ogni collisione che prende luogo è a causa dell’energia cinetica. La fisica è la forza dietro il successo di ogni giocatore.

Leave a Comment

Your email address will not be published.